Paolo Izzo

L’Alimentazione del Popolo Minuto di Napoli

All’indomani dell’Unità d’Italia, l’Accademia Pontaniana bandì un concorso tra i suoi sodali perché facessero il punto sulle abitudini alimentari del basso popolo napoletano. Probabile obiettivo dell’operazione era l’intenzione di stabilire nuove regole di vita per nuovi sudditi. Ne è risultato invece un intrigante affresco su gusti culinari e esigenze di sostentamento di quei Napoletani che, sotto la dominazione borbonica, consumavano i pasti forzatamente (come del resto buona parte della loro intera esistenza), all’angolo di un vicolo o sul sagrato di una chiesa.

Prezzo: €16.00

Le Uova dell'Angelo

Dagli Abbandonati agli Acefali, ai Concordi, ai Discordanti, ai Filopatridi, agli Immaturi, agli Irrequieti, agli Ottenebrati, agli Svogliati, ai Virtuosi, ai Volanti (solo alcuni dei 219 in elenco), il capitolo delle Accademie e degli Accademici è uno dei più avvincenti nello studio della cultura napoletana e del suo rapportarsi alla evoluzione europea; in appendice un utilissimo indice dei nomi e una corposa sezione bibliografica.

Prezzo: €18.00

Le Feste Negate

L’animo festaiolo del napoletano, almeno di quello dei secoli passati, non è ignoto. Ma quali erano le feste che hanno alimentato quest’aspetto dell’esistenza dei nostri antenati. Le feste di cui normalmente si parla sono poche, e sempre le stesse: il Carmine, San Gennaro, Montevergine, la Madonna dell’Arco, Piedigrotta… Ebbene sono centinaia le feste napoletane di cui si è persa ogni traccia. Sono feste religiose, certo, ma anche laiche. Spesso – ma non sempre – traggono origine da matrici greche e latine, ma anche questo è l’aspetto più scontato.

Prezzo: €30.00

Presepe di Pasqua

Tradizione molto viva, anche nella Napoli fino alla fine del Quattrocento, è stata quella del Presepe di Pasqua. Una serie di motivi spinsero la Controriforma a valorizzare maggiormente la rappresentazione della nascita, relegando così quel fenomeno ad una dimensione dimessa, destinata a sopravvivere principalmente all’interno dei monasteri dove, accanto allo “scoglio” della Natività figurava l’altro, quello della Passione.

Prezzo: €20.00

Il Pazzariello

Per le vie di Boston, negli anni settanta dello scorso secolo, fu visto sfilare accanto ad americanissime e floride majorettes un Pazzariello, inviato in seno ad una delegazione napoletana come paradigma di cultura patria.
Erano presenze che in quel periodo - anche se ormai svuotate dei loro originari significati - si potevano ancora incontrare a Napoli. Uno di questi, che molti ricorderanno, aveva sostituito all’aristocratica feluca un berretto da ferroviere. Sic transit gloria mundi...

Prezzo: €15.00

Sarchiapone

Sarchiapone! Maschera? Tipo da Commedia dell’arte?
Sarchiapone è molto di più, è una emblematica proiezione di un “inconscio collettivo” che, se approfondito, può rivelare gli aspetti più intimi e profondi del popolo napoletano degli ultimi seicento anni, o forse più. E’ ciò che il lettore potrà scoprire scorrendo questo prezioso, sorprendente saggio.

Prezzo: €12.00

Giochi Storici Napoletani

Un intrigante viaggio attraverso i secoli alla riscoperta delle origini, a volte esoteriche dei passatempi non solo infantili del popolo napoletano; oltre 400 tra giochi e varianti descritti ed esemplificati con il conforto di citazioni storico-letterarie, da Macrobio a Raffaele Viviani, e di una corposa bibliografia.

Prezzo: €18.00

L'Indole Naturale de' Napolitani

I classici latini ci tramandano l’immagine di un napoletano operoso, temperante, pacifico, ossequioso della legalità. Con il passare del tempo gli scenari cambiano: la calata dei barbari, la caduta dell’Impero Romano (Romolo Augustolo fu prigioniero in Castel dell’Ovo). Poi ancora sotto la dominazione Sveva quando è lecito pensare – come suggerisce Gino Doria – che i napoletani fossero tutti Alti, biondi e con gli occhi azzurri. 

Prezzo: €15.00